Home Cos'è e come funziona
Messaggio
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

La CANDELA


La candela è il componente che produce una scintilla che determina l’accensione della miscela aria/benzina presente all’interno della camera di scoppio. La candela è alloggiata sulla testa e ha inoltre il compito di chiudere la camera di scoppio, essa è sempre accessibile per la manutenzione in quanto è un componente di consumo che dovrà essere regolarmente controllata e sostituita.
La scintilla che fa scoccare lo scoppio nella camera del cilindro è data da un impulso elettrico applicato alla testa della candela che, tramite differenza di potenziale che si verifica tra egli stessa e l'alloggiamento alla testa crea lo scocco della scintilla. Questa differenza di potenziale si ha in quanto, mentre l'elettrodo centrale è carico di circa 15.000 volt, quello di massa si trova isolato dalla carica e la differenza di potenziale si scarica mediante un arco elettrico. La distanza tra i due elettrodi si attesta si solito in soli 0,6 mm

Il grado termico è la caratteristica che contraddistingue le candele e le identifica per il tipo di motore per cui sono state progettate, indica la capacità con il quale il piede dell'isolante e gli elettrodi della candela smaltiscono il calore conducendolo alla testata.
Una candela dotata di un elevato grado termico viene perciò detta "fredda", mantiene quindi "fredda la sua punta "scaricando il suo calore alla testata mentre una candela con grado termico ridotto viene considerata "calda" e tendera' quindi a non scaricare il suo calore alla testata.
L'utilizzo di un grado termico sbagliato puo' portare ad un surriscaldamento anomalo della radice della candela e lo sgretolamento della ceramica di cui è composto, nei casi peggiori anche alla foratura del cielo del pistone.

Vediamo come è composta internamente:


vespa candela componenti

vespa candela sezione

 

Perchè ogni candela ha un grado termico diverso?
Teniamo presente che ogni motore ha delle caratteristiche e delle prestazioni differenti da ogni altro, la candela deve lavorare nelle condizioni ottimali e per questo è importante che sia "dimensionata" per lo sforzo a cui sara' sottoposta. In termini numerici le candele sono costruite in modo che per ogni determinato motore non si superino i 800°C sulla punta e non si scenda sotto i 350°C. Poiché ogni motore ha un suo carico termico, ecco che gli deve corrispondere una candela con grado opportuno. è importante sapere sopra i 300°C i depositi carboniosi od oleosi vengono bruciati e la candela si autopulisce. Se però la temperatura oltrepassa gli 850°C si raggiunge una zona critica e oltre i 900°C si innesca la preaccensione in cui gli elettrodi vengono corrosi o distrutti dalla temperatura causando seri danneggiamenti al motore.

Clicca qui se vuoi altre notizie sul funzionamento della CANDELA.

 
Copyright © 2017 vesparestauro. Tutti i diritti riservati.
Joomla! è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.